Ambiti di Ricerca

Gli ambiti di ricerca principali in cui opera il Dipartimento DIST si suddividono in 3 macroaree:

A. SVILUPPO URBANO E REGIONALE application/pdf (142,82 kB)

a.1 Studi urbani e regionali-Regional and Urban Studies
La direzione di ricerca riguarda lo studio della città e dei rapporti fra i processi dello sviluppo e il territorio a diverse scale, visti nell’interazione fra le dinamiche socio-spaziali e le forme e le modalità di intervento. Le tematiche di ricerca riguardano le caratteristiche fisiche, sociali, economiche e ambientali della città e del territorio contemporanei, letti nella loro complessità storica e connessi alle trasformazioni in atto. Attraverso un approccio multidisciplinare, le competenze specifiche che compongono l’asse di ricerca sono riferite sia alla dimensione teorica e interpretativa della città e del territorio, sia alla definizione di politiche urbane e territoriali e di strumenti di pianificazione urbanistica in ambito europeo e nei paesi del cosiddetto Sud Globale.

a.2 Progetto e pianificazione della città e del territorio-Regional and Urban Planning / Urban Project and Spatial Planning
Questa direzione di ricerca guarda ad un campo più ampio di quello generalmente alluso dai termini progetto urbanistico e progetto urbano. Progetto per la città e il territorio è qui inteso come l'insieme delle attività attraverso le quali uno specifico gruppo scientifico-professionale ha teso e tende a ridefinire le condizioni spaziali entro le quali si svolge il processo di riproduzione sociale. L'accento è dunque posto sullo specifico carattere tecnico dell’attività di progettazione e sul suo sfondo critico, culturale e politico, nonché alle implicazioni (dirette e indirette) di questo vasto insieme di pratiche sul territorio e l’ambiente.

a.3. Mobilità, reti e sistemi insediativi-Mobility, networks and urban settlements
I sistemi insediativi, alla scala locale e territoriale, sono analizzati nell’interazione funzionale tra usi del suolo, infrastrutture, ambiente. In particolare, la pianificazione e progettazione di sistemi di trasporto e mobilità smart, sostenibili, sicuri ed integrati, è sviluppata con attenzione all’integrazione con le altre forme di pianificazione e politiche.

B. RESILIENZA E SICUREZZA DELL’AMBIENTE NATURALE E COSTRUITO application/pdf (93,14 kB)

Sostenibiltà, sicurezza e resilienza della città e del territorio sono analizzate e implementate mediante l'utilizzo di nuove tecnologie a supporto della tutela del cittadino e dei processi di pianificazione, progettazione e gestione delle infrastrutture e del territorio. L'ambiente naturale e costruito viene studiato con approcci sistemici. Sono inoltre predisposti modelli e strumenti di supporto alle decisioni di tipo complesso. La linea comprende le seguenti azioni:

  • Studiare e misurare la resilienza e la sicurezza ex ante, in itinere, ex post degli spazi urbani e periurbani, rispetto ad un uso sostenibile del suolo e delle risorse naturali.
  • Implementare la ricerca e l’applicazione di nuove tecnologie per la tutela e la sicurezza dei cittadini, delle infrastrutture e dei servizi (comunicazioni, trasporti ecc), anche nel caso di calamità naturali.
  • Supportare la transizione verso una società “post-carbon”, tenendo conto della variabilità delle forzanti climatiche e della disponibilità di fonti di energia rinnovabili.

C. PATRIMONIO CULTURALE E PAESAGGIO application/pdf (99,07 kB)

La macroarea tratta le teorie, i modelli di analisi, gli strumenti di studio e le metodologie operative per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio culturale, del paesaggio e dell’ambiente. La nozione di patrimonio non è limitata ai beni materiali ma si estende su ampia scala alle componenti intangibili della cultura e dell’innovazione, essendo inteso come eredità storica, come ambiente costruito, come contesto di scambi e attività sociali, come opportunità di coesione sociale e di sviluppo economico e turistico in un sistema integrato di beni territoriali e di valori da trasmettere alla generazioni future, attraverso un consapevole governo del territorio.

© Politecnico di Torino - Credits