GIULIA SONETTI

Scarica il contatto come vcard Foto

Ricercatore a tempo determinato Legge 240/10 art.24-A

Settore scientifico discliplinare ICAR/22 - ESTIMO
(Area 0008 - Ingegneria civile e Architettura)
Curriculum File del curriculum application/pdf (208 KB)
Identificativi ORCID: 0000-0003-1071-4296
Scopus Author ID: 55810429300
WoS ResearcherID: ABD-5150-2020
Google Scholar ID: https://scholar.google.it/citations?user=Y35UT1wAAAAJ&hl=en&oi=ao
ResearchGate ID: https://www.researchgate.net/profile/Giulia_Sonetti
Linee di ricerca La mia carriera scientifica può apparire abbastanza indefinita / multi-definita durante la lettura del mio CV. Vale la pena ripercorrere qui il mio percorso per spiegarne la ratio!
 Ho ottenuto una laurea quinquennale a ciclo unico in Architettura e Ingegneria Edile, poi un Master of Science in Energie Rinnovabili (presso l'Università di Nottingham), poi un dottorato in Ambiente e Territorio al Politecnico di Torino. Dopo aver co-fondato e co-gestito il primo Green Team del Politecnico di Torino, ora ho vinto un post-doc in "leadership trasformazionale" dalla Robert Bosch foundation, sono una RTD-A del dipartimento interateneo di scienze, progetto e politiche del territorio, e sono docente nei corsi di "real estate evaluation,", "decision making for SDGs", "transdisciplinary research methods" 4. Il terreno comune di tutti questi semi di ricerca è la consapevolezza che viviamo su un pianeta fortemente urbanizzato, e il comportamento ei valori umani delle città stanno influenzando, e potrebbero persino guidare, il futuro della sostenibilità globale. Secondo il Ministero italiano, dovrei appartenere al Settore Scientifico ICAR/22, “Estimo”, che si concentra su metodi e strumenti per processi di valutazione complessi, come quelli legati alla sostenibilità urbana. Tuttavia, le mie incursioni nelle scienze sociali e gestionali deriva dalla consapevolezza che, poiché le società sono entità sempre più globalizzate, dinamiche e transitorie, la (ricerca e la didattica su) pianificazione per la città sostenibile di domani è diventata elusiva, e, come alcuni sostengono, a volte anche uno sforzo futile. La scienza urbana globale, soprattutto quando non va fuori dai confini accademici, rimane frammentata e scollegata dalla politica e dalla pianificazione globale e locale, evidenziando la necessità di nuovi strumenti e dati per far progredire la comprensione delle complesse dinamiche urbane. Supportare il processo decisionale per le trasformazioni della sostenibilità richiede più di quello che può fare un approccio classico alla stima e alla valutazione. Ecco perché ora sono interessata alle pratiche sociali di collaborazione tra scienze sociali e umane (SSH) e scienze dure (STEM), ai metodi di ricerca transdisciplinare, agli impegni reali co-creativi / partecipativi con chi prende le decisioni e con i cittadini, le persone. In questo senso, la scienza dell'integrazione, dei team, del cambiamento organizzativo, della gestione dei rapporti internazionali, dei sistemi dinamici, e poi l'educazione alla sostenibilità, l'apprendimento trasformativo e pedagogie innovative per la sostenibilità, sono diventati i miei settori di ricerca principali. Ho acquisito queste competenze nella mia vita lavorativa (e non solo) sia in veste accademica nei numerosi progetti europei, sia come consulente con stakeholders e aziende, pubblici e privati. Negli ultimi dieci anni ho accumulato competenze nella progettazione, gestione, monitoraggio e valutazione dell'impatto di programmi di ricerca, in particolare quelli relativi all'ambiente costruito e alle transizioni energetiche. Amo essere coinvolta in questi progetti, sia nella definizione della proposta che nella sua effettiva attuazione, soprattutto come liason manager nella creazione di cordate e come organizzatore e facilitatore di eventi e workshop. L'alfabetizzazione transdisciplinare mi ha portato nei migliori centri di ricerca inter e trans-disciplinari nel mondo, imparando dai pionieri e dai migliori come affrontare le incertezze e come condividere e discutere un nuovo paradigma di sostenibilità, significativo per tutti, equo e rigenerativo.
Competenze

Settori ERC

SH1_7 - Behavioural economics; experimental economics; neuro-economics SH4_1 - Cognitive basis of human development and education, developmental disorders; comparative cognition SH2_8 - Energy, transportation and mobility SH2_7 - Environmental and climate change, societal impact and policy SH2_11 - Human, economic and social geography SH2_10 - Land use and regional planning SH4_6 - Learning, memory; cognition in ageing SH1_10 - Management; marketing; organisational behaviour; operations management SH4_2 - Personality and social cognition; emotion SH4_13 - Philosophy of science, epistemology, logic SH4_11 - Pragmatics, sociolinguistics, discourse analysis SH4_7 - Reasoning, decision-making; intelligence SH2_6 - Sustainability sciences, environment and resources PE8_11 - Sustainable design (for recycling, for environment, eco-design) SH2_9 - Urban, regional and rural studies

SDG

Goal 7: Affordable and clean energy Goal 13: Climate action Goal 17: Partnerships for the goals Goal 16: Peace, justice and strong institutions Goal 4: Quality education Goal 12: Responsible consumption and production Goal 11: Sustainable cities and communities

Parole chiave libere

Ssh-stem collaboration, transdisciplinary research, co-creative/participatory engagements, integration science, organizational change, system dynamic, transformative learning, sustainability education
Responsabilità scientifiche e altri incarichi

Premi e riconoscimenti

  • Emerald Literati Award - 2019 Outstanding Paper Meditari Accountancy Research conferito da Emerald Publishing, Regno Unito (2020)

Comitati editoriali

  • INTERNATIONAL JOURNAL OF SUSTAINABILITY IN HIGHER EDUCATION (2020-), Membro del Comitato Editoriale
  • FRONTIERS IN SUSTAINABILITY (2020-), Membro del Comitato Editoriale
  • SUSTAINABILITY (2020-), Membro del Comitato Editoriale
  • ENVIRONMENT, DEVELOPMENT AND SUSTAINABILITY (2020-), Guest Editor di rivista o collana editoriale